CHI SIAMO

CONFEDERAZIONE ITALIANA ARCHEOLOGI

Chi siamo? Cosa facciamo?

La Confederazione Italiana Archeologi è la prima associazione di archeologi professionisti e studenti in discipline archeologiche nata in Italia.
DEFINISCE IL PROFILO PROFESSIONALE DI ARCHEOLOGO PER I PROPRI ASSOCIATI
 mediante iniziative culturali, politiche, sociali e legialative finalizzate alla sensibilizzazione delle ISTITUZIONI, delle ORGANIZZAZIONI SINDACALI, delle AZIENDE, delle ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA e di ogni altro soggetto coinvolto nella tutela, nella conservazione, nella promozione e nella valorizzazione dei Beni Archeologici.

Gli scopi associativi sono:

  • Il riconoscimento e la valorizzazione di tutte le forme di attività riferibili alla figura dell’archeologo;
  • La definizione del profilo professionale dell’archeologo per i propri associati in considerazione dei percorsi formativi e della pluralità delle esperienze a esso ricollegabili;
  • La responsabilizzazione dei soggetti interessati in merito ai gravi rischi per il patrimonio dei BBCC connessi all’utilizzo di figure professionali non qualificate in mansioni di competenza archeologica;
  • La regolamentazione e la tutela delle condizioni di lavoro degli archeologi professionisti in termini di retribuzioni, diritti e tutele, di trattamenti previdenziali, assistenziali e assicurativi;
  • La promozione generalizzata delle competenze dell’archeologo e del loro valore sociale, culturale ed economico e la conseguente diffusione dell’impiego di archeologi qualificati in tutti i contesti in cui esso può tradursi in un vantaggio per la collettività;
  • La divulgazione del rilievo sociale dei suddetti intenti, della dimensione professionale dell’archeologo, delle sue caratteristiche e della sua storia disciplinare;
  • L’impegno a favore di una corretta divulgazione storica, scientifica e culturale che diffonda nella collettività la consapevolezza dell’importanza della tutela dei BBCC e ambientali.

Curiosità sulla professione

L’Archeologo

Il numero stimato di archeologi attivi in Italia nel biennio 2012-2013 è circa 4500. Non si tratta del numero totale di laureati in archeologia, ma di coloro che nel 2012-2013 vivevano parzialmente o totalmente di un reddito proveniente dal settore archeologico.

L’età media degli archeologi è 37 anni, 36 per le donne e 38 per gli uomini.
Le donne sono il 70,79% del totale, gli uomini il 29,21%.

L’archeologo tipo in Italia è una donna di 37 anni che lavora prevalentemente per enti pubblici come libera professionista a Partita IVA o con contratti a progetto, raramente come dipendente. Principalmente impegnata negli scavi, opera anche in uffici, laboratori e biblioteche, meno spesso all’interno di musei. La nostra professionista percepisce mediamente un compenso annuo di 10.700 €, nonostante oltre alla laurea, possegga un titolo aggiuntivo (specializzazione, dottorato o post-dottorato) che la rende soddisfatta della propria preparazione accademica, anche se riscontra carenze nella preparazione tecnica e in temi specifici quali la legislazione, il diritto del lavoro e le norme sulla sicurezza.

%

LIBERO PROFESSIONISTA

%

DIPENDENTE (TEMPO INDETERMINATO)

%

DIPENDENTE (TEMPO DETERMINATO)

Curriculum

I passi salienti della nostra storia

2004

FONDAZIONE

2005

MEMBRO DEL COLAP

2016

RICONOSCIMENTO DEL MISE

2019

MEMBRO COMMISSIONE 110

Fondata nel dicembre 2004, la Confederazione Italiana Archeologi è la prima associazione professionale di archeologi costituitasi legalmente in Italia.

Dal 2005 è membro del CoLAP (Coordinamento della Libere Associazioni Professionali)

Dal 2016 è riconosciuta dal MISE (Ministero Sviluppo Economico) in base a quanto stabilito dalla legge 4/2013, unica realtà archeologica in Italia iscritta nella sezione delle “Associazioni che rilasciano l’attestato di qualità e di qualificazione professionale dei servizi prestati dai soci” https://www.sviluppoeconomico.gov.it/images/stories/documenti/conf_t_archeologi.pdf.

Dal 2019 è membro della Commissione prevista dalla legge 110/2014 sul riconoscimento professionale degli operatori dei beni culturali in rappresentanza degli archeologi. La Commissione, istituita dall’art 10 del DM 244/2019, svolge un duplice ruolo, da un lato ha il compito di proporre eventuali modifiche al testo, dall’altro quello di monitorarne la corretta applicazione.

La CIA collabora con altre associazioni, sindacati, Istituzioni, MiBACT ed enti pubblici territoriali per lo sviluppo della professione attraverso la concertazione di iniziative volte alla tutela della posizione contrattuale e della sicurezza sul lavoro dell’archeologo.

Oltre a promuovere, organizzare e gestire attività che prevedono il coinvolgimento diretto dei propri soci finalizzate all’aggiornamento professionale e all’approfondimento di tematiche di stringente attualità mediante corsi, servizi dedicati, incontri/dibattiti nel corso di assemblee, social network, l’impegno della Confederazione Italiana Archeologi riguardo alla necessità di una chiara e univoca definizione degli standard formativi e delle qualifiche professionali degli archeologi si esplica grazie a iniziative che coinvolgono più soggetti e si propongono di suscitare l’interesse di un numero sempre crescente di professionisti e studenti, quali convegni, seminari e tavole rotonde.

Per accedere a tutte le informazioni relative alle attività della Confederazione Italiana Archeologi rimandiamo gli interessati alle specifiche sezioni del portale.

ISCRIZIONE

Come si diventa socio CIA?

Iscriversi alla CIA è veloce: scarica il modulo, riempilo e invialo alla Segreteria oppure consegnalo a un delegato regionale.

La quota associativa è di 40 euro per i soci Ordinari e di 20 euro per i soci Studenti. Puoi pagare la quota associativa annuale – scaricabile come spesa professionale –  con bonifico, Paypal o in contanti e ti verrà consegnata o spedita la tessera personale.

L’iscrizione alla CIA è annuale e vale fino al 31 dicembre di ogni anno.  Una volta iscritto potrai usufruire delle numerosi convenzioni riservate ai soci e partecipare alla vita associativa, attraverso i corsi di aggiornamento, le assemblee e le conferenze oprganizzate dalla CIA.

INSIEME CI TUTELIAMO